La cistite è un’infezione della vescica o del tratto urinario inferiore causata dalla presenza di alcuni batteri che non dovrebbero, di norma, essere presenti in questa zona. Questi microrganismi entrano nell’uretra e poi nella vescica e possono causare lo stato d’infezione, che si sviluppa comunemente nella vescica e può diffondersi anche fino ai reni.
Il più delle volte, il corpo è in grado di sbarazzarsi di questi batteri con l’urina. Tuttavia, i batteri possono aderire alla parete dell’uretra o della vescica e moltiplicarsi così rapidamente che, alcuni di essi, non vengono eliminati subito, e restano dunque all’interno della vescica stessa.

Sintomi della cistite

I sintomi con cui si mostra la cistite sono di solito:

  • Continuo stimolo urinario
  • Sensazione di bruciore durante la minzione
  • Minzione frequente ma in piccole quantità
  • Sangue nelle urine (ematuria)
  • Urina torbida con un forte odore
  • Sensazione di disagio pelvico
  • Sensazione di pressione nell’addome inferiore
  • Febbre bassa

Per i bambini piccoli, avere nuovi episodi di minzione accidentale durante il giorno può essere un segno di infezione urinaria. Bagnare il letto di notte, se non è associato ad altri sintomi, non è ritenuto un sintomo probabile di infezione urinaria.

Quando consultare il medico

Consultare immediatamente un medico se si hanno segni, durante la cistite, di un’infezione renale. I sintomi che devono destare allerta sono:

  • Dolore alla schiena o ai lati
  • Febbre e brividi
  • Nausea e vomito
  • Costante bisogno di urinare o dolore durante la minzione per diverse ore o più, o se vedi sangue nelle urine.
  • Se in passato ti è stata diagnosticata un’infezione urinaria e hai sintomi simili a alla precedente infezione.
  • Se i sintomi della cistite ricompaiono dopo aver terminato una serie di antibiotici. Potrebbe essere necessario un altro tipo di trattamento.
  • Chiama il pediatra se il bambino inizia a urinare spesso durante il giorno.
  • Nel caso di uomini che non soffrono di altri disturbi, la cistite è rara e deve quindi essere studiata dal medico.

Cause della cistite

Nella maggior parte dei casi la cistite è causata da Escherichia coli, ossia un tipo di batterio risiede nell’intestino.
Le donne hanno dunque maggiori probabilità di soffrire di infezioni ricorrenti della vescica o del tratto urinario. Il motivo chiave è la loro anatomia. L”uretra femminile, infatti, è più corta di quella maschile. Questo accorcia la distanza che i batteri devono percorrere per raggiungere la vescica.
Il sistema urinario comprende i reni, gli ureteri, la vescica e l’uretra. Sono tutti componenti importanti per eliminare le impurità dal corpo. I reni, che sono una coppia di organi a forma di fagiolo situati nella parte posteriore dell’addome superiore, filtrano i rifiuti dal corpo e regolano le concentrazioni di molte sostanze. I tubi chiamati “ureteri” trasportano l’urina dai reni alla vescica, dove viene immagazzinata fino a quando non lascia il corpo attraverso l’uretra. Tutti questi organi sono a rischio infezione.
Le cause che possono portare alla cistite sono:

  • Essere sessualmente attive. Come risultato del rapporto sessuale, i batteri possono essere spinti attraverso l’uretra.
  • Usare alcuni tipi di contraccettivi. Le donne che usano i diaframmi sono a maggior rischio di infezione del tratto urinario. I diaframmi contenenti agenti spermicidi aumentano maggiormente il rischio.
  • La gravidanza. I cambiamenti ormonali durante la gravidanza possono aumentare il rischio di infezione della vescica.
  • La menopausa. Livelli alterati di ormoni nelle donne in postmenopausa sono spesso associati a infezioni del tratto urinario.

Fattori che aumentano il rischio di cistite

La cistite non è comune negli uomini che non hanno problemi di salute che li predispongono. Ad ogni modo, altri fattori di rischio, sia negli uomini che nelle donne, sono i seguenti:

  • Interferenza nel flusso di urina. Ciò può verificarsi in malattie come calcoli alla vescica o, negli uomini, con ingrossamento della prostata.
  • Cambiamenti nel sistema immunitario. Ciò può verificarsi in alcune malattie, come il diabete, l’infezione da HIV o il trattamento del cancro. Un sistema immunitario indebolito aumenta il rischio di infezioni batteriche e, in alcuni casi, di infezioni della vescica virale.
  • Uso prolungato di un catetere nella vescica. Queste sonde possono essere necessarie nelle persone con malattie croniche o negli anziani. L’uso prolungato, però, può causare un aumento della vulnerabilità delle infezioni batteriche e una serie di danni al tessuto vescicale.
  • Blocco dell’uretra
  • Diabete
  • Incontinenza intestinale
  • Età avanzata (specialmente nelle persone che vivono in case di cura)
  • Problemi di svuotamento completo della vescica (ritenzione urinaria)
  • Procedure che coinvolgono il tratto urinario
  • Rimanere fermi per un lungo periodo di tempo (ad esempio, quando ci si sta riprendendo da una frattura dell’anca )

Complicazioni

Se trattato rapidamente e correttamente, è raro che le infezioni della vescica abbiano complicazioni. Ma se non trattate, possono diventare qualcosa di più serio. Le complicazioni nei casi di cistite possono essere le seguenti:

  • Infezione renale. Un’infezione della vescica non trattata può trasformarsi in un’infezione renale, chiamata anche pielonefrite. Le infezioni renali possono danneggiare permanentemente i reni.
    Gli anziani e i bambini piccoli sono a maggior rischio di danni ai reni a causa di infezioni alla vescica, poiché i loro sintomi sono spesso trascurati o confusi con quelli di altre condizioni.
  • Sangue nelle urine. Quando si ha la cistite, è possibile avere del sangue nelle urine. Si tratta di poche cellule visibili solo al microscopio (ematuria microscopica), che di solito si spariscono con il trattamento indicato dal medico. Se dopo il trattamento ci sono ancora cellule del sangue, il medico può raccomandare di consultare uno specialista per determinarne la causa.
    Il sangue nelle urine che è possibile vedere (ematuria macroscopica) è raro con la tipica cistite batterica, ma è più comune con la chemioterapia o la cistite indotta da radiazioni.

Come prevenire la cistite

Per prevenire la cistite si consiglia di bere succo di mirtillosucco di mirtillo o assumere compresse contenenti proantocianidineProantocianidine per ridurre il rischio di infezioni vescicali ricorrenti in alcune donne [1]. Alcuni studi più piccoli hanno dimostrato un piccolo beneficio, ma studi più grandi non hanno scoperto benefici significativi.
Ad ogni modo, evita di bere il succo di mirtillo rosso se stai assumendo il farmaco anticoagulante warfarin (Coumadin) [2]. Le possibili interazioni tra il succo di mirtillo rosso e il warfarin possono causare emorragie.
Sebbene queste misure preventive di cura personale non siano state studiate in profondità, i medici, a volte, per contrastare cistiti e infezioni ripetute della vescica, raccomandano quanto segue:

  • Bevi molti liquidi, in particolare acqua. Bere molti liquidi è molto importante se si è sottoposti a chemioterapia o radioterapia, specialmente durante i giorni del trattamento.
  • Minzione frequente. Evita di ritardare di andare in bagno quando senti il ​​bisogno di urinare.
  • Asciugati bene sia davanti che dietro dopo i movimenti intestinali. Ciò impedisce ai batteri nella regione anale di diffondersi nella vagina e nell’uretra.
  • Fai la doccia invece di fare il bagno in una vasca. Se sei incline alle infezioni, fare la doccia invece di fare il bagno in una vasca può aiuta a prevenire le infezioni da cistite.
  • Lava delicatamente la pelle attorno alla vagina e all’ano. Fallo ogni giorno, ma non usare saponi aggressivi. La pelle delicata intorno a queste aree si potrebbe irritare.
  • Svuota la vescica il prima possibile dopo aver fatto sesso. Bevi un bicchiere pieno d’acqua per eliminare i batteri.
  • Evita l’uso di deodoranti spray o prodotti femminili nell’area genitale. Questi prodotti possono irritare l’uretra e la vescica.

Fonti

Approfondimenti

Pubblicato da Stiledivitasano

La redazione di Stiledivitasano è composta da professionisti del settore medico, esperti di fitness, giornalisti, sociologi, psicologi e nutrizionisti, pronti a dare consigli mirati su come migliorare il proprio stile di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Logo cnr