Sia per prevenire che per curare il raffreddore è necessario agire per tempo. I primi segni di raffreddamento sono di solito mal di gola e naso che cola, seguiti da tosse e starnuti. La maggior parte delle persone guarisce in circa 7-10 giorni. Ci sono però alcune pratiche che possono fin da subito aiutare a prevenire il raffreddore e a ridurre il rischio di ammalarsi. Tra queste abbiamo, ad esempio: lavarsi spesso le mani, evitare il ​​contatto ravvicinato con i malati e non toccare il viso con le mani non lavate.
Questa malattia è il motivo principale per cui i bambini assentano da scuola e gli adulti dal lavoro. Ogni anno si registrano milioni di casi. Gli adulti ne hanno in media da 2 a 3 all’anno e i bambini ancora di più.
La maggior parte delle persone contrae il virus in inverno e in primavera, ma non è sempre così. Questo malanno, infatti, può colpire in qualsiasi momento dell’anno.

Quali sono i sintomi del raffreddore

I sintomi del raffreddore di solito includono:

  • mal di gola
  • naso che cola
  • tosse
  • starnuti
  • mal di testa
  • dolori muscolari

La maggior parte delle persone guarisce in circa 7-10 giorni. Tuttavia, il raffreddore comune può causare malattie gravi, come bronchite o polmonite [1], in persone con un sistema immunitario debole, o che sono affette da asma o condizioni respiratorie critiche.

Come si trasmette il raffreddore?

Le persone che hanno contratto il raffreddore possono trasmettere il virus ad altre persone attraverso l’aria. Un altro modo per infettarsi è attraverso il contatto con le feci (cacca) o le secrezioni respiratorie di una persona infetta. Questo può accadere quando si stringe la mano a qualcuno che è raffreddato o quando si tocca una superficie con virus respiratori, come una maniglia della porta, e ci tocchiamo occhi, naso o bocca.

Come prevenire il raffreddore?

Non esiste un vaccino contro il virus da raffreddamento, per cui tutto ciò che possiamo fare è agire in prevenzione. Le seguenti accortezze possono aiutare a prevenire il raffreddore:

  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone. Bisogna lavarle per almeno 20 secondi ed è bene aiutare i bambini piccoli a fare lo stesso. Se il sapone e l’acqua non sono disponibili, utilizzate un disinfettante per le mani a base alcolica. I virus che causano il raffreddore possono vivere sulle mani; pertanto, lavarle regolarmente può aiutarci a proteggerci dall’ammalarci.
  • Non toccare gli occhi, il naso o la bocca se non si sono lavate prima le mani. I virus possono entrare nel corpo in questo modo.
  • Stare lontano dalle persone malate. Le persone che hanno già contratto il virus possono trasmetterlo semplicemente stando a stretto contatto con altre persone.

Come proteggere gli altri

Se sei tu la persona infetta, una buona pratica igienica è usare sempre un fazzoletto (o la parte superiore della manica) per coprire completamente la bocca e il naso quando tossisci o starnutisci.
In generale, se hai il raffreddore, segui questi suggerimenti per prevenirne la diffusione:

  • Resta a casa mentre sei malato e non mandare i bambini a scuola o all’asilo mentre sono malati.
  • Evita di avere uno stretto contatto con altre persone, evita gli abbracci, i baci e le strette di mano.
  • Stai lontano dagli altri prima di tossire o starnutire.
  • Quando tossisci o starnutisci, copri naso e bocca con un fazzoletto e gettalo via, oppure copri completamente naso e bocca con la parte superiore della manica.
  • Lavati le mani dopo aver tossito, starnutito o soffiato il naso.
  • Disinfetta superfici e oggetti frequentemente toccati, come giocattoli e maniglie delle porte.

Come curare il raffreddore

Non esiste una cura farmacologica per il freddo. Per sentirti meglio quando sei raffreddato, dovresti riposare molto e bere molti liquidi. I farmaci da banco possono aiutare ad alleviare i sintomi, ma non accelerano la guarigione.
Ovviamente, l’indicazione è sempre quella di leggere con attenzione l’etichetta del farmaco e usarlo come indicato. Per alleviare il naso che cola è possibile usare uno spray nasale decongestionante o una soluzione salina.
Prima di somministrare dei medicinali a un minore, ad ogni modo, è bene parlarne con il medico di base. Alcuni farmaci, infatti, contengono ingredienti che non sono adatti ai bambini [2].

Come curare la tosse

I seguenti suggerimenti possono essere d’aiuto contro la tosse:

  • Utilizzare un umidificatore pulito o un vaporizzatore ad aria fredda.
  • Respirare il vapore da una ciotola con acqua calda o durante la doccia.
  • Prendere delle pastiglie per la gola (non medicinali). Non somministrare però queste pasticche ai bambini troppo piccoli.
  • Usare il miele (per i bambini, solo se hanno almeno un anno)

Gli antibiotici sono utili contro il raffreddore?

No, gli antibiotici non ti aiuteranno a combattere né a prevenire un raffreddore, che è causato da virus respiratori. Questa tipologia di farmaci non lavora contro i virus. Inoltre, assumerli inutilmente, può rendere le tue future infezioni batteriche più forti e difficili da combattere [3].

Si deve chiamare il dottore per il raffreddore?

Sei hai i sintomi del raffreddore dovresti chiamare il medico solo se tu o tuo figlio avete una o più delle seguenti condizioni:

  • sintomi che durano più di 10 giorni
  • sintomi gravi o insoliti
  • tuo figlio ha meno di 3 mesi e ha la febbre o è letargico

Dovresti inoltre chiamare immediatamente il medico se sei ad alto rischio di influenza che causa gravi complicazioni e hai sintomi di questa malattia, come febbre, brividi e dolori muscolari o corporei. Le persone ad alto rischio di complicanze da influenza sono: bambini piccoli (sotto i 5 anni), adulti di età pari o superiore a 65 anni, donne in gravidanza e persone che hanno determinate condizioni come l’asma, il diabete e le malattie cardiache.
Il medico può determinare se tu o il tuo bambino avete il raffreddore o l’influenza e raccomandare un trattamento adeguato.

Cause del raffreddore

Esistono molti virus respiratori diversi che possono causare il raffreddore, ma i rinovirus sono i più comuni. I rinovirus possono anche scatenare attacchi di asma e sono stati collegati a sinusite e infezioni dell’orecchio [4]. Altri virus che possono causare raffreddori sono quello respiratorio sinciziale, il virus parainfluenzale , l’adenovirus , il coronavirus umano e il metapneumovirus.

Differenza tra raffreddore e influenza

Sia i virus che causano l’influenza, sia i comuni virus del raffreddore si diffondono e fanno ammalare le persone nello stesso periodo dell’anno. Poiché queste due malattie causano sintomi simili, può essere difficile (o addirittura impossibile) differenziarle solo in base ai sintomi. In generale, quelli dell’influenza sono più forti e possono includere febbre (a volte con brividi), tosse, mal di gola, naso che cola o chiuso, dolori muscolari o corporei, mal di testa e affaticamento. L’influenza può causare complicazioni molto gravi. È consigliata, quindi, per quest’ultima, la vaccinazione antinfluenzale annuale, che in soggetti esposti può aiutare nella prevenzione.
Una volta influenzati, i farmaci antivirali possono essere un’opzione di trattamento.

Fonti

  1. Is It Bronchitis or Pneumonia? – WebMD LLC (in inglese)
  2. Farmaci adatti ai bambini. Guida FDA per la progettazione degli studi pediatrici. Considerazioni etiche
    Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco)
  3. Uso e abuso di antibiotici – Fondazione Umberto Veronesi
  4. Rhinovirus Infections in the Upper Airway – Atsjournals.org (in inglese)

Pubblicato da Stiledivitasano

La redazione di Stiledivitasano è composta da professionisti del settore medico, esperti di fitness, giornalisti, sociologi, psicologi e nutrizionisti, pronti a dare consigli mirati su come migliorare il proprio stile di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Logo cnr